Di nomi, di storte e altre sciocchezze

Da anni vivo nella città sede della mia università, a tempo perso: per lo più in lavoretti di merda e pessime idee e fino a qualche giorno fa avevo sempre abitato in centro.

Ora che mi trasferisco in culonia, a seguito di due mesi in cui l’unica cosa a cadere dal cielo sono stati i santi che ho fatto fuori a suon di madonne, si sono aperte le cataratte del cielo.

Ma va bene così.

Stamattina chiaccheravo con uno dei miei nuovi coinquilini En, logorroico come me e con la stessa attitudine a saltare di palo in frasca e mi ha ricordato una tipa iscritta alla nostra facoltà, tale Sara H;
non ho avuto l’onere di conoscerla ma da quanto scriveva sui gruppi universitari di FB, meglio così.

– Ah te la ricordi Tazza quella tipa! Gli altri sotto al suo post polemico si erano scatenati
– Ma chi, la tipa che come immagine copertina aveva la scritta “GRANDE Y FUERTE ES NUESTRO DIOS”?
– Sì sì lei, di cognome non fa H di suo, è il cognome del marito dominicano. Beh insomma hanno un figlio e lui penso che ne abbia altri sparsi per il mondo. Quello che hanno loro due insieme vuoi sapere  come si chiama?
– No
– Sicura..?
– Ok, sì
INRI

– Eh?
– INRI
– Ma come la sigla..?
– Sì

Ora
– non mi rivolgo direttamente a questa mentecatta di Sara H in parte perché non penso legga questo blog ma soprattutto perché sono certa sia un’imbecille, quindi parlo in generale –

fare figli è un’affare serio
le vostre velleità di merda
credenze irragionevoli
conoscenze certe – perché un fisico che chiamasse il figlio Neutrone mi starebbe in culo uguale –

tenetele da parte.

Perché è vero che non è il nome a decidere alcunché
ma se siete così dementi da non fermarvi a pensare che ci sono parole da non affibbiare mai a dei figli per sempre
(breve elenco ispiratore: pisello, Leone, Orso Falco e con buona approssimazione tutto il mondo animale, Giuda, Gesù, Zeus, Voldemort, Orietta, Saponina, Pepsina, Tripsina, Radar, DNA e RNA e spero di aver reso il concetto)
non oso immaginare che genitori dannosi potreste diventare.

 

Advertisements

16 thoughts on “Di nomi, di storte e altre sciocchezze

  1. ma..e le storte? Pensavo di trovare una caviglia fracassata durante un kamasutra estremo o un ginocchio slogato nella preparazione di un piatto particolarmente difficile..e invece niente!
    ml

    Like

  2. Immagino quindi che anche tu mi boccerai Otto come nome per l’erede.
    Che palle, uno cosa lo fa a fare un figlio se non può dargli un nome imbarazzante e legato alle sue credenze? Bismarck per me è stato un grande.

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s