Insomma, buongiorno

Crash

Oh che palle la zoccola del piano di sopra che oltre a girare coi tacchi alle 5.40 ogni mattina, oggi pure vuole demolirsi casa 

Tazza.. 

Eh 

Puoi venire un momento se riesci? 

Sì 

Arranco fuori dalla stanza al primo giorno di mestruazioni, capelli alla Einstein e cervello alla Frankenstein, coinquilino F a petto nudo con le braccia tese si tiene alle pareti del corridoio, fissandosi un piede che guizza a destra e sinistra 

Io, non stavo capendo un cazzo 

Ti.. Sei fatto male? 

No no, guarda.. 

Che..? Ti sei storto una caviglia? 

Nono.. Guarda! 

Stacca una mano dal muro e inizia a guizzare anche quella, con tutto il braccio e insieme all’atto inferiore proseguendo quel balletto-balbetto che comunque non mi stava aiutando ad avviare i neuroni, già provati dall’inevitabile calo di zuccheri considerando i due pasti scarsi totali della giornata di ieri. 

… 

Non lo sto facendo io! I muscoli non rispondono! 

Ah, molto bene.. Quindi? (Lui medico lo è già) 

Quindi devo pisciare 

Entra in bagno con il ritmo ondeggiante del batacchio di una campana la settimana della madonna, sento stussi un po’ inquietanti e riemerge al grido di “Sono in squilibrio elettrolitico” 

Ah, perfetto. 

Il gigione ieri in palestra cihaddatodentroconlaghisa, abbastanza da svalvolarsi i controlli muscolari, ha mangiato senza bere abbastanza (“beh 4 simmental!”) e – andato a dormire – i suoi muscoloni impazziti hanno continuato a lavorare. 

A seguito del mio lento avvio cerebrale ho constatato come il suo letto fosse fradicio, la stanza demolita – “dovevo reggermi” – e lui un assistito irritato ma compliante 

Ok, allora inizia con il bere l’acqua 

Ma meglio la coca-cola, c’è più roba dentro 

Ma è la Zero! Non c’è manco lo zucchero 

Allora un succhino 

Va bene, ma intanto bevi anche l’acqua, e niente bibitone proteico stamattina eh 

Ma ci sono gli elettroliti dentro! 

Sì e mezzo kg di proteine, lascia vivere i tuoi reni perdio! Vuoi un’arancia? 

Mmm, no, la Coca cola 

Sì ma cristo, torna a letto! 

Mentre F continuava a distruggere la sua stanza con quella grottesca e involontaria macarena, siamo giunti a un compromesso: letto, frutta secca, un altro bicchiere di coca ma poi acqua, non metterti alla guida perché non me ne frega un cazzo. 

E fuori imperversa la tempesta, Jurassicc Park è andato in crisi per molto meno.

Advertisements

24 thoughts on “Insomma, buongiorno

  1. ti sono vicina: mamma in ospedale, babbo a casa solo (io traslocata da lui) con influenza leggera e fratello single a casa sua con influenza pesante.
    p.s. lavoro a Bologna… argh!

    Like

  2. A proposito di proteine, ieri l’ho pensata. A Presadiretta si parlava di alimentazione e della relazione dimostrata tra cancro ed eccesso di proteine. Ma immagino che i palestrati non guardino quei programmi lì. A quell’ora, magari, fanno palestra.

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s