Ciccia, cibo, estate e cazzate – 1

Ultimamente – ed essendo un po’ impegnata il mio indice temporale si è allargato – sarà per la stagione calda che avanza, sarà perché è un mercato in espansione, sarà che gli algoritmi di Google mi vogliono male
ho imbroccato diversi post/video/puttanate riguardanti forma fisica, pesoalimentazione.

Ora, vorrei dire, CHE-PALLE. E che capre sono in giro.
E berciano.
Continuamente.

Seppur nonancoralaureatamamòciarrivologgiuro, mi rendo conto che essere un po’ ferrata sull’argomento mi rende molto insofferente a un sacco di fregnacce che si trovano in rete.

Alcuni non si rendono conto che la fatica che fanno a collezionare nozioni sbagliate o recepite male perché non contestualizzate correttamente, è infinitamente superiore a quella che costerebbe la lettura di qualche libro serio.
Lo so: se però non si bercia, poi ci si annoia.
Se non si ha un risultato rapido, ci si scoraggia.
Da scoraggiati, è più semplice trovare qualcosa da incolpare che risolvere la questione.
Si chiama adolescenza, in teoria.

Cameriere: il solito, grazie.

In ordine cronologico, la prima schifezza in cui sono incespicata è un post di qualche settimana fa di quella tipa secondo me più somigliante a una balenottera che a una modella curvyTess Holliday.

tessh

Manonsidicebalenotteraunpo’didelicatezzasantocielotiparequestoilmodoblablabla
oh bona eh, quando puzzo di fumo mi dicono “Fai schifo, sembri un portacenere” ed è vero, a ognuno il suo.

Questa è – per i miei parametri – una modella curvy:

curvy

Comunque, il monolite coperto di trucco e tatuaggi se ne va in giro a propugnare l’idea che essere gravemente obesi vada benissimo, si possa essere comunque bellissime – quello de gustibus – e sanissime che non sia vero come l’eguagliare in massa tutto il reparto gastronomia del supermercato incluso il mobilio, sia un fattore di rischio in gravidanza o in generale nella vita.
Eh..?!
E io immagino schiere di adolescenti, magari prossimamente madri, magari future invalide, a occhi spalancati che annuiscono e si ingozzano di schifezze.

As women, we know what’s best & that’s our business.. No one else’s.

“In quanto donne noi sappiamo cos’è meglio e sono affari nostri.. Di nessun altro”
‘Na
ceppa
di
minchia.

Se la NASA c’avesse un problema siderale, dubito che chiederebbe a una donna in quanto donna: competenza e genere non sono dati correlabili.

A parte il fatto che manco possedere un intestino non rende gastroenterologi
essere personaggio pubblico automaticamente conferisce una risonanza maggiore  alle proprie affermazioni, quindi una maggiore responsabilità.
Se vogliamo, è la stessa differenza che passa tra l’andare in giro a occhi bendati in camera da letto o in autostrada: la stessa scelta in contesti diversi ha conseguenza diverse.
(In realtà non è il paragone più calzante dell’universo conosciuto però mi piace)

Io ‘sta tipa la detesto: se ne va in giro – faticosamente, suppongo – spacciandosi come “positive body type model“, dice che i vestiti plus size della sua linea costano un occhio della testa perché parte del ricavato va in beneficenza ma pare nessun ente abbia mai ricevuto un dollaro, sostiene di fare attività fisica e mangiare correttamente e – prima della medicina – la termodinamica sta avendo brividi di terrore.

Io ‘ste cose non le sopporto.

Se una persona è sovrappeso anche grave – cosa per alcuni molto difficile da sconfiggere, mica è ‘na passeggiata – non è legittimata a sparare cagate.
Quando compro il tabacco non cerco di convincere i passanti che faccia bene o che i miei denti e dita ingialliti dovrebbero diventare una moda per la primavera/estate 2016.
Poi corro e faccio sport, la mia spirometria va bene etc, MA FUMARE FA MALE, MALISSIMO.
E manco essere obesi è proprio un’idea geniale.

Continua

 

Advertisements

22 thoughts on “Ciccia, cibo, estate e cazzate – 1

  1. A me potrebbe dire quello che vuole, sono una che non è mai in peso forma, ma non riesco a trovare sollievo nelle sue parole, né nel fatto che lei – con evidenti problemi di peso – “ce l’ha fatta”.
    non sono ossessionata, non mangio benissimo, sono pigra come un opossum imbalsamato, ma non ritengo di essere un modello da seguire. le curvy sono belle, se sono curvy per davvero.

    Liked by 1 person

    • Guarda, io che nasco pigra – e pigra morirò – mi sono imposta una certa costanza nell’attività fisica che prescinde dallo sport di squadra (non mi danno più l’idoneità ma era l’unica cosa a piacermi sul serio) perché l’ho trovato talmente terapeutico per i miei mille disturbi da aver paura a non mantenerlo.
      Fosse una questione di estetica, sticazzi.
      Però passare dal mio massimo che fu di 89 kg anni fa a un oggi a 72, fa sentire molto meglio.

      Se si avesse la possibilità di provare la sensazione di essere più in forma per tipo 12 ore, credo che molti si sentirebbero spronati.
      Io ci sono stata “costretta” e non tornerei più indietro.

      Liked by 2 people

  2. Ti ho trovata imprevedibilmente moderata, io sarei andato giù più duro con sta balena pericolosa per se e per gli altri.
    ml
    (non capisco, hai un indice (temporale?) che s’allarga? Cioè si gonfia col maltempo?)

    Like

  3. Ogni volta che vedo una donna grassa, mi sorprendo sempre a pensare quanto sarebbe bella senza tutta quella ciccia che la deforma. Sarà un caso, ma ho notato che molto spesso le donne grasse hanno bellissimi lineamenti. No, mi sa che non è un caso.

    Like

    • Perdonami, temo di essermi espressa male: a me Tess Holliday fa cagare, questo non è “Body Shaming” o comunque a oggi venga chiamato il caro vecchio “Sei grasso/a” e le mie erano solo constatazioni.

      Like

  4. Il problema è che la buttano in caciara: si vede bella? È piena di uomini/donne? Lieta per lei.
    però dovrebbe essere cosi cortese da non raccontare stronzate: vorrei vedere i suoi esami del sangue e una risonanza delle sue ginocchia…

    Like

  5. Ma un obeso lo è sempre e solo in ragione di quel che mangia o del moto che fa? Perché magari ci sono altre ragioni meno controllabili e in questo caso sentirsi un po’ più a proprio agio nel corpo che ci tocca non sarebbe poi così negativo.

    Liked by 2 people

    • Beh, direi proprio di sì.

      Poi ci sono persone che ingrassano più facilmente o faticano di più a dimagrire.

      Poi – nozione meno diffusa ma affascinante – l’alimentazione accazzodicane seleziona una flora microbica intestinale che favorisce l’ingrasso.

      Con esercizio e dieta corretta è tutto reversibile a livello metabolico, entro certi limiti almeno, compreso il cambiamento della popolazione batterica.

      L’obesità comunque è una malattia, poi uno deve sentirsi a proprio agio sempre, ci mancherebbe, ma è una di quelle dinamiche fatta alla gatto che si morde la coda:

      sono triste/mi faccio schifo
      mi consolo mangiando
      ingrasso
      sono triste/mi faccio schifo
      mica facile uscirne.

      Non penso che la maggior parte degli obesi si sentano veramente a proprio agio… Finché lo sono.

      Personalmente però contesto il messaggio errato: essere obesi dal punto di vista fisiologico

      poi se uno si piace così, liberissimo.

      Ma non mi venga a dire che è in salute.

      Liked by 1 person

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s