Momento d’introspezione nervosa.

Spesso mi tacciano di essere una persona troppo riservata, che non dice mai niente e non si fida.

Chiarisco: sono capace di parlare anche per il culo, ma di facezie o cose phighissime che non mi riguardano direttamente.

Capita, ognuno è fatto a modo proprio.

Una cosa che innervosisce molto – direttamente connessa con il pessimo metro che applico alla scelta degli interlocutori – è che, la volta in cui decido di parlare, non va bene quello che dico.
Mi vengono in mente esempi abbastanza umilianti.
Probabilmente scelgo controparti dementi all’unico scopo di collezionare ulteriori ragioni per dire sempre meno.
Sì: la storia pare confermare.

Ora
c’ho 30 anni
quindi
sticazzi.

Dico quello che mi pare, quando mi pare, dove mi pare – nei limiti della legalità o finché non mi scoprono, dipende. Tengo le mie paturnie ma poi non mi si rompa il mazzo.
(Cerco di limitare la scurrilità, ho pur sempre 30 anni).

Con la scusa che sono grande e grossa e scorbutica, me ne sento dire in continuazione e non reagisco come potrei.
Mi rendo conto che la mia espressione di “Aouch, colpo basso che mi ha presa in pieno” sia un po’ troppo simile a un “Guarda lì verme orribile mi fai cagare
e che incamero senza che la controparte ne abbia il sospetto fino ad esplodere e vomitare addosso all’interlocutore robe che possono ferire 

ma chi mi conosce dovrebbe conoscere le immobilità delle mie espressioni
o come schivare gli schizzi.

Soprattutto, dovrebbe avere presente che con tutta l’autocritica che cerco di fare, sarebbe ora che a propria volta facesse un minchiosissimo sforzo.
Altrimenti, addio.

checcazzo1

Poi, in realtà
non sono mai stata arrabbiata abbastanza a lungo
per avere una qualche parvenza di dignità.

Annunci

12 pensieri su “Momento d’introspezione nervosa.

  1. Ho adottato da tempo la filosofia del ” mi faccio i cazzi miei pure quando sono miei” per due motivi : il mio interlocutore dimentica dopo poco cosa gli avevo detto o peggio non capisce una mazza di cosa volevo dire /bisogno.
    Quindi mi tengo tutti gli appellativi cari cari: acida, algida e compagnia cantando.
    Però dì la verità non è bellissimo quando dici una cattiveria con estrema classe e quello dall’altra parte ci resta stecchito? 😉

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...