Fuori dall’osteria

Fumo in piedi, in una sera con le strade bagnate, con il bicchiere appoggiato su una botte fuori da un bar. Un gruppo di yuppie attorno alla botte di fianco cita filosofi e ride di battute contenenti la parola “culo”. “La visione erotica di Tommaso D’Acquino” 

“Culo” 

“Postulato”. 
Siamo un fottìo di persone con niente da ricostruire. 
“Ma siamo fuori e nessuno sta fumando”. 

Io sì. 

“Ma è che dentro ci stanno tutti i testosteronici, gli arancioni”. 

Mh, arancioni sì. 
Ma non abbiamo niente da ricostruire, solo ideali un po’ vecchi da portare avanti. 

Le persone oggi non sono più capaci di scegliere il nemico: ne inventano, ne battezzano altri a caso, altri ancora su presupposti inventati, un casino. 

E anche tutto il resto. 

Advertisements

5 thoughts on “Fuori dall’osteria

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s