Che poi

io vorrei anche essere capace di farmi scivolare addosso le cose, ma dato che – bla bla bla, pippone sul fatto che mi hanno sempre ripetuto che non sarei dovuta nascere, e che mi hanno sfanculata entrambi i “genitori” – non posso proprio.

Ne va dell’essere me stessa, e la cosa che mi urta di più è che questo sottofondo di frustrazione costante è l’unico motivo per cui non scrivo più.

Volevo scrivere, volevo stare con Alck, volevo sentirmi bene, ma… trova l’intruso.

12 pensieri su “Che poi

  1. Pure io sono stata una “sorpresa” per i miei, interrompendo la dorata spensieratezza materna e il convinto celibato paterno. Però quei due lo sapevano benissimo che a trombare si rischia di ritrovarsi col terzo incomodo, quindi non vedo cosa avessero da recriminare. Insomma, mi pare un comodo farsi i propri porci comodi e poi prendersela con chi non c’entra niente e ne paga pure le conseguenze! Mi dia retta, mandi babbo e mamma affanculo, se lo meritano entrambi. E già che c’è, mandi affanculo pure Alck, che se lo merita pure lui. Dopo di che si riempia di complimenti per aver mandato tutti affanculo. Se lo meritavano.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...