Quaderno nuovo

Cose che cambiano, cose che si spostano, cose che si muovono e boh.

Pensavo di essere tornata quella di una volta, poi mi sono accorta che non si torna da nessuna parte, si va – non per forza avanti – e chissà dove si arriva.

Il gatto di fuori, il computer invecchiato, svegliarsi a 28 anni e smadonnare perché non si sa dove si è stati fino ad ora.

Vedremo.

Indietro non si torna, c’è da scegliere se rassegnarsi o festeggiare.